Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Soci Sostenitori

Scopri le principali aziende operanti nel Controllo della Contaminazione Ambientale che supportano le attività di ASCCA...

Leggi tutto...

ASCCA News

La rivista che offre al lettore articoli tecnici, case history e rubriche tecnico-commerciali sui fenomeni della contaminazione ambientale...

Leggi tutto...

Giornate / Eventi

Scoprite i corsi, i workshop e le esposizioni organizzati in giro per il mondo e dedicati al mondo del controllo della contaminazione ambientale…

Leggi tutto...

Formazione professionale

Scopri i corsi di formazione per operatori in clean room organizzati dal Politecnico di Milano con il patrocinio di ASCCA...

Leggi tutto...


Flash News

  • CLEAN ROOM COURSES

    E' disponibile il calendario dei corsi di formazione professionale organizzati dal Politecnico di Milano (Sede Bovisa) con il patrocinio di Ascca.
    Leggi tutto...
  • CLEANROOM BASIC COURSE

    Si terrà nelle giornate 6-7 Marzo 2017 la nuova edizione del corso base di formazione professionale organizzato dal Politecnico di Milano (Sede Bovisa) con il patrocinio di Ascca.
    Leggi tutto...


UNI EN ISO 14644-14:2016

Da Dicembre 2016 è acquistabile presso UNI la ISO 14644-14:2016 - Assessment of suitability for use of equipment by airborne particle concentration, nelle versioni inglesi e francesi.

Scopo della norma è quello di definire una metodologia per valutare l'idoneità delle attrezzature (macchine, strumenti di misura, apparecchiature di processo, componenti, strumenti) da utilizzare nelle camere bianche ed ambienti controllati associati, per quanto concerne il grado di pulizia da particelle aeroportate, come specificato nella ISO 14644-1:2016.
La dimensione delle particelle varia da 0,1 µm a ≥ 5,0 µm

La ISO 14644-14:2016 non copre i seguenti argomenti

- valutazione dell'idoneità all'uso in relazione alla biocontaminazione
- prove di idoneità per l'uso di agenti e tecniche di decontaminazione
- pulibilità delle attrezzature e dei materiali
- requisiti legati alla progettazione delle attrezzature e alla scelta dei materiali
- proprietà fisiche dei materiali (elettrostatiche, termiche, ...)
- ottimizzazione delle performance delle apparecchiautre per applicazioni di processo specifiche
- selezione e uso di metodi statistici per i test
- protocolli e requisiti relativi alle norme di sicurezza locali

Gli allegati informativi forniscono un esempio comprensivo di calcoli per stabilire la classe ISO secondo i dettami della nuova ISO 14644-1 nonché ulteriori test opzionali per ottenere informazioni sull'impatto sui processi e l'ambiente circostante.

La ISO può essere acquistata direttamente dal sito UNI: http://store.uni.com/magento-1.4.0.1/index.php/uni-en-iso-14644-14-2016.html

 

 

StampaEmail

ISO 14644-3:2005 - Nuovo draft

Il prossimo 9 marzo 2017 terminerà il periodo per la discussione del draft della ISO 14644-3:2005 (Clean room and associated controlled environments - Part 3 - Test methods). Il draft pubblicato il 16 dicembre 2016, è attualmente disponibile presso la IEST.

Le recenti modifiche della Parte 1 (Classificazione) e Parte 2 (Monitoraggio) della serie 14644 hanno obbligato ad aggiornare la versione del 2005 della parte 3. La bozza mette in evidenza i metodi di provi adeguati per misurare le prestazioni di una camera bianca o di ambienti connessi. Riportiamo quelle che, al momento, sono le principali novità

- trasferimento dei test per la classificazione della concentrazione particellare dalla parte 3 alla parte 1, per quanto riguarda le macroparticelle, e alla parte 12 per quanto riguarda le nanoparticelle (definite in precendete "particelle ultrafini").

- cambiamenti significativi nelle procedure per le prove di tenuta dei filtri installati usando un contatore di particelle discreto (DPC)

- aggiunta di una metodologia di prova per verificare l'effetto protettivo di un flusso d'aria destinato a separare due aree con diversa classificazione. Il test viene eseguito assicurando una concentrazione sufficiente nell'area di classe inferiore (presa come riferimento) e misurando la concentrazione nella zona protetta (di classe superiore)

Il draft è disponibile presso IEST (http://www.iest.org/Standards-RPs/ISO-Standards/ISO-14644-Standards/ISO-14644-3)

 

 

 

StampaEmail

Clean Tech - La chiusura

immaginecleantech

 

Il Clean Tech 2016 è stato caratterizzato da un numeroso ed eterogeneo pubblico.
Gli argomenti trattati e l'esperienza degli speaker chiamati per l'occasione sono stati molto apprezzati dalla platea che ha partecipato con domande e ha fornito spunti di riflessione anche per l'Associazione per le prossime iniziative.

ASCCA non può che ringraziare tutti coloro che hanno contribuito al successo di questo evento.
In primis gli amici sponsor, che ancora una volta hanno supportato l'Associazione economicamente e hanno reso la zona espositiva di interesse per i partecipanti, fornendo informazioni precise e puntuali.
Un ringraziamento particolare va ovviamente agli speaker che hanno affrontato argomenti innovativi e attuali, coinvolgendo il pubblico in discussioni proficue per le proprie attività.
In ultimo, ma non meno importante degli altri, il ringraziamento va ai partecipanti, accorsi numerosi, da tutta Italia, a questo evento, testimoniando, ancora una volta, che un'Associazione non arriva ai 35 anni di attività per caso. 

Queste due giornate saranno di sicuro sprone per le prossime attività dell'Associazione. 

Non ci resta che darvi appuntamento per la nuova edizione del Clean Tech al 2021, e per le nostre abituali attività ai prossimi mesi

Se vi siete perso qualcosa, andate alla pagina dedicata al Clean Tech 2016     

 

StampaEmail

DISPOSITIVI MEDICI - NUOVA ISO

La nuova edizione della norma internazionale ISO 13485 è già stata recepita in sede europea e adottata in Italia come norma UNI EN ISO 13485:2016 "Dispositivi medici - Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti per scopi regolamentari".
La nuova norma - una delle più importanti nel mondo dei medical device, active medical device e in vitro diagnostics - stabilisce i requisiti per un sistema di gestione della qualità specifico per l'industria dei dispositivi medici.

Leggi tutto

StampaEmail